Come vestirsi per sciare: qualche consiglio

Il momento delle vacanze in montagna è arrivato, avete prenotato la vostra “settimana bianca”? Se avete intenzione di divertirvi sulle piste, occorre pensare a come vestirsi per sciare. È importante che l’abbigliamento che sceglierete sia comodo e funzionale, che vi protegga dal freddo senza farvi sudare o trattenere l’umidità, e che vi permetta di muovervi con agilità. Sono finiti i tempi delle calzamaglie di lana che usavano i nostri genitori quando andavano a sciare, che alcuni chiamavano “Superpippo” perché ricordavano l’abbigliamento del celebre personaggio dei fumetti. Erano scomodissime e pungevano la pelle. Così come sono spariti dalla circolazione i tutoni a salopette, con colori accesi, impossibili da togliere da soli. Oggi vi daremo qualche consiglio su come vestirsi per sciare, continuate a leggere se volete saperne di più.

Indumenti intimi

Sono fondamentali. Evitate il cotone, che tende a trattenere l’umidità e quindi il sudore, e può provocare fastidiose irritazioni, e orientatevi verso i tessuti tecnici e sportivi. L’abbigliamento intimo è il primo strato a contatto con la pelle e deve avere una buona capacità idrofoba, rilasciando l’umidità verso l’esterno e mantenendo il corpo caldo e asciutto. Sopra l’intimo c’è comunque il primo strato che ha la funzione di allontanare il sudore dalla pelle e asciugarsi rapidamente. Quindi sarà aderente, a maniche lunghe o corte, mentre i pantaloni arriveranno alla caviglia o a 3/4 appena sotto il ginocchio.

Il secondo strato

Il secondo strato di solito è composto da una maglietta di pile, più o meno pesante a seconda di quanto siete freddolosi, e da un paio di pantaloni da sotto, termici. L’ideale è che siano aderenti, per non far passare l’aria e che la maglia di pile sia dotata di occhiello per il pollice sul polsino, al termine delle maniche.

Il terzo strato

È quello che deve proteggerci dal freddo e dalla neve. Quindi deve essere impermeabile e isolante. Un paio di pantaloni e giacca imbottita all’interno saranno perfetti per l’uso! L’importante è scegliere una giacca che trattenga il calore. Il piumino non è particolarmente indicato, perché ha il problema di essere idrofilo, di attirare e trattenere l’umidità, vi farà quindi sudare.

E per le estremità?

Sono fondamentali, quando si va a sciare, casco e guanti. In aggiunta anche uno scaldacollo, per i più freddolosi o addirittura passamontagna. Non so se lo sapevate ma per tenere calde mani e piedi è importante coprirsi la testa. Infatti, il nostro corpo invia flusso sanguigno con priorità al cuore ed al cervello, così mantenendo la testa al caldo favoriamo il flusso di sangue alle estremità.
Per quanto riguarda le calze, evitate la lana e scegliete invece un tessuto più tecnico. La lana infatti tende a trattenere il sudore e a causare irritazioni e vesciche che, chi scia, sa quanto possano essere fastidiose.

E voi, siete pronti per la montagna?

Prenota Ora