Manutenzione degli sci: 4 consigli dai nostri maestri

Nelle gambe ma soprattutto nel cuore, c’è ancora la stagione invernale da pochi mesi conclusa ma oggi, che siamo in estate, noi maestri dello staff di Scuola Sci 5 Laghi vogliamo parlarvi di una cosa molto molto importante per i vostri sci: la manutenzione prima di metterli via.

Sistemare i vostri attrezzi in modo corretto è fondamentale per la loro sicurezza e per la loro durata. Forse non tutti sanno che una attrezzatura rovinata o mal tenuta, invecchia prima. I rischi di queste “leggerezze”, sono molteplici: nell’immediato, immaginate quando arriva la prossima stagione e le vostre lamine saranno arrugginite, o gli attacchi non ben saldi. Mentre nel lungo periodo, ovviamente, l’invecchiamento dei nostri sci. Come dicevamo prima, poca manutenzione rende l’attrezzatura più facile ad invecchiare.

Per evitare queste brutte sorprese oggi proviamo a darvi alcuni fondamentali consigli per la manutenzione dei vostri sci.

Lubrificare gli attacchi è assolutamente indispensabile

Sul mercato esistono prodotti specifici per queste operazioni, non affidatevi ai rimedi fatti in casa. E ricordatevi assolutamente di farlo per non compromettere le funzionalità dei vostri attacchi e ritrovarvi poi il prossimo inverno con sci impossibili da “indossare”.

Sciolinatura a caldo per mantenere le prestazioni

Ovviamente non siamo tutti attrezzati con un banco di lavoro professionale, anche se un valido e solido appoggio, più un vecchio ferro da stiro, forse riusciamo a rimediarli. Prima di passare alla sciolinatura è fondamentale pulire bene lo sci, togliere tutte le impurità che la soletta raccoglie durante le nostre fantastiche giornate sulle piste. Attenzione, la soletta è delicata ed è necessario utilizzare appositi solventi onde evitare di rovinarla per sempre.

Esistono detergenti ecologici da passare dopo una spazzolata, dalla punta alla coda dello sci, con una spazzola di nylon apposita. Con questa azione, potrete in superficie tutto lo sporco annidato sulla soletta. Dopo la pulizia è fondamentale tenere lo sci fermo per almeno 24 ore in modo che il solvente possa evaporare interamente

Ora passiamo alla sciolinatura. Esistono tanti tipi di scioline, ma le due grandi “famiglie” sono: le scioline SOLIDE e le scioline LIQUIDE o SPRAY.Naturalmente le prime sono più conosciute in quanto più datate, le seconde più recenti.

Per sciolinare a caldo avremo bisogno di un ferro ad hoc. Uno dei trucchi per mettere in modo ottimale la sciolina è quello di farla sciogliere direttamente sulla piastra del ferro e non quello di farla gocciolare sulla soletta, come ahimè, spesso si vede fare.

Per mettere la sciolina a freddo, invece, è necessario che la soletta venga prima resa calda con un phon e poi si spruzza direttamente la sciolina a piccole zone (massimo venti o trenta centimetri), che va tirata subito in modo che non si formino grumoli di sciolina solida.

Una volta finita l’applicazione della sciolina, dovremo scaldare nuovamente la soletta con il phon con l’obiettivo di far evaporare completamente tutto il solvente presente.

Spazzolatura con la massima cura e senza fretta

Questa importante azione  deve essere effettuata con calma, precisione per un lungo periodo. Per le scioline che contengono fluoro è importante spazzolare rapidamente, mentre per le altre non ci sono queste accortezze da tenere.
Attenzione, non esercitate troppa pressione! Questa azione è l’ultimo intervento che si deve tenere ma è anche quello più delicato ed importante. Se venisse effettuato in modo non corretto, potrebbe compromettere tutto il lavoro fatto fino a questo momento! La spazzolatura viene eseguita con passaggi lunghi e costanti, sempre dalla punta verso la coda.

Conservare con attenzione anche gli scarponi

Veramente importante conservarli al buio, al fresco e con pochissima umidità. Delle sacche portasci sarebbero fondamentali.
E’ buona norma anche serrare completamente le viti che spesso con l’utilizzo si allentano, chiudere i ganci gli scarponi e naturalmente togliere la scarpetta intera per permettere un’asciugatura completa.

Queste operazioni sono importanti, se non siete esperti ed un po’ “pratici” è meglio che le facciate fare a chi lo fa di mestiere, perché immagino vogliate bene ai vostri sci o alla vostra tavola, vero? 🙂

Ora mettete tranquillamente in letargo i vostri sci, alla prima neve dovranno essere i vostri compagni di divertimento! Dove? A Madonna di Campiglio, ovviamente, dove gli impianti possono vantare ben 60 km di piste e 20 impianti di risalita.

Ti aspettiamo alla Scuola di 5 Laghi!

Prenota Ora